Accessibilità allo storico Mulino Bravi di Cingoli

Ecco un lavoro realizzato per un’azienda del territorio in cui vivo (1565 Mulino Bravi): due targhe contenenti la presentazione degli ambienti museali, in doppia lingua (italiano e inglese), sia in nero che in Braille. Il codice QR posto in alto a destra, individuabile attraverso specifici segni in rilievo, consente di ascoltare una descrizione completa, per godere a pieno delle bellezze offerte dal museo. Anche l’audiodescrizione è stata realizzata in doppia lingua, rilevata automaticamente, a seconda della lingua di sistema impostata nello smartphone.

La parte migliore di ogni alunno!

Gli alunni con #DSA non si aiutano acquistando carrellate di software e computer che troppo spesso restano lì, inutilizzati, in un angolo dell’aula o peggio ancora “ammucchiati” in magazzino. Si aiutano anzitutto con la conoscenza: formando i docenti, protagonisti del loro percorso educativo e dando a ciascuno di questi ragazzi la consapevolezza dei loro limiti e delle loro potenzialità, affinché la parola “educare” rifletta a pieno il proprio valore etimologico: educĕre, ovvero tirare fuori…

Un'immagine dell'assemblea UICI Macerata del 2015

All’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti tornerò a fare il semplice volontario

L’anno 2020 sarà l’anno del XXIV Congresso Nazionale. Ho deciso quindi di scrivere questo post per i molti amici che mi chiedono quale sarà il mio futuro nell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti. Avevo 9 anni quando i miei genitori mi iscrissero alla sezione di Macerata, cercando – come molti – un supporto adeguato a fronteggiare le difficoltà legate alla disabilità visiva. Durante gli anni universitari, le mie condizioni visive si aggravarono, ma persone straordinarie della mia sezione hanno compreso e fatto propri i miei problemi: non li risolvevano per me, ma – come giusto – mi indicavano la …

Leggi