Cerca
Close this search box.

Condividi:

L’handicap vissuto nella scuola

Introduzione al testo

Sono stato più volte invitato presso scuole od associazioni private a portare testimonianza della mia esperienza scolastica come alunno con disabilità visiva; il seguente testo – revisione ed ampliamento di un articolo che ho scritto nel 1999 – ha lo scopo di rendere tale testimonianza permanentemente disponibili a chiunque voglia servirsene.

Con il seguente testo tenterò dunque di illustrare in generale come il mio handicap visivo abbia influito nel rapporto con lo studio e come abbia modificato quello che potrebbe essere definito un corretto e normale inserimento nell’ambiente scolastico, nonché come opportuni e adeguati provvedimenti, attuati da personale specializzato e sensibile ai problemi dell’alunno con disabilità, possano porre lo studente in condizioni di affrontare lo studio il più normalmente possibile.

È ovvio che nel passato di alunno abbia dovuto affrontare notevoli difficoltà, a causa del mio handicap, anche perché, sino a circa dieci anni fa, non esistevano precisi provvedimenti che dovevano essere attuati dal personale docente in caso avessero avuto un loro alunno portatore di handicap; oggi invece esistono leggi ben precise e mirate al sostegno di tutte le persone con disabilità che mettono a disposizione validi ausili, maggiori diritti e personale specializzato, consentono a questi alunni di condurre uno studio più regolare, sereno e soddisfacente.

La scuola dell’infanzia

Sin dalla scuola materna ho sempre vissuto un rapporto piuttosto distaccato e schivo nei confronti dei miei coetanei: mi limitavo ad osservare gli altri, spesso senza prendere parte ai giochi o restavo con i compagni meno vivaci perché, non riuscendo bene a vedere, avevo spesso il timore di entrare in mezzo ad una confusione incomprensibile. Sempre per la mia incapacità di vedere, riuscivo raramente anche a prendere parte ai piccoli lavori che venivano svolti in classe. Per ovvie ragioni di carattere pratico, sono stato abbandonato al mio comportamento.

La scuola primaria

Nel corso della scuola elementare, né i maestri, né il personale di sostegno ha saputo comprendere adeguatamente le mie reali necessità, per trovare di conseguenza una soluzione rapida e definitiva al mio problema. Si puntava, infatti, soprattutto al miglioramento delle mie capacità di lettura e della mia calligrafia, ignorando totalmente due questioni fondamentali: la prima riguarda il fatto che un bambino di sei/sette anni e con un visus pari ad un decimo in entrambi gli occhi, non possiede la capacità visiva per potere scrivere in bella calligrafia e leggere con la vista in modo scorrevole; la seconda che esistono altre soluzioni, altri mezzi in sostituzione alla scrittura come il computer o il codice Braille. Io però non beneficiavo di alcun mezzo, di alcun ausilio che potesse sostituire i miei occhi per leggere, scrivere e quindi prepararmi – per il futuro – a svolgere autonomamente ogni normale attività scolastica. Tale status, naturalmente, mi ha indotto a credere che, non riuscendo a scrivere con la penna sul quaderno allo stesso modo degli altri, non avrei nemmeno avuto le capacità di riflettere e ragionare come il resto della classe; d’altronde un bambino può facilmente pensarlo.

La maestra di sostegno che avevo in prima elementare insisteva sul fatto che dovevo migliorare la mia calligrafia e spesso mi portava fuori dalla classe, aumentando ogni volta in me il pensiero sulla mia diversità. Per fare un esempio, ricordo che mi chiedeva di frequente come potevo confondere la lettera enne con la emme ed io ogni volta provavo un senso di angoscia e rabbia non perché lei non comprendeva le mie reali esigenze, ma perché mi credevo semplicemente più stupido degli altri che le lettere non le confondevano; infatti si sa che chi non legge la sua scrittura è un somaro addirittura. A casa avevo spesso da svolgere il doppio del normale lavoro: oltre a ciò che assegnavano i maestri, dovevo riempire pagine di quadernoni con quadretti enormi delle lettere che non sapevo ancora scrivere discretamente.

Per i due anni successivi ebbi la fortuna di avere in classe una maestra di sostegno che propose per la prima volta alla mia famiglia di mettermi a disposizione un personal computer. Con esso sarei riuscito sia a leggere che a scrivere. Anche se questa macchina non poteva ancora sostituire i miei occhi per leggere, in quanto le sintesi vocali ancora non esistevano, era comunque un grande ausilio per il mio studio. I miei genitori mi comperarono un vero PC e fui seguito da due persone speciali, nel vero senso della parola (Moreno Marchegiani e Arnaldo Morchio), per apprenderne anche le caratteristiche tecniche, in quanto, all’epoca, questo strumento era molto poco conosciuto e spesso discriminato. Credo infatti che i miei maestri di scuola lo vedessero come un mezzo superfluo che non avrebbe mai potuto sostituire la scrittura vera e propria, che non poteva essere alternativo, anzi, migliorativo rispetto alle lenti di ingrandimento, ai video ingranditori, alla penna e a tutti i quaderni con quadretti enormi sui quali scrivevo molto lentamente e con difficoltà. Al terzo anno mi venne installato in classe un video ingranditore che mi facilitò la lettura: mi consentiva di vedere molto meglio i caratteri per la luminosità dello schermo, anche se spesso quando tornavo a capo perdevo di vista la riga successiva; questo strumento però potevo adoperarlo esclusivamente per leggere, per scrivere il mio problema ancora restava.

In questi cinque anni di scuola elementare mi sono spesso reputato diverso dagli altri, anche se ho sempre cercato di mostrare un atteggiamento aperto, socievole e disponibile nei confronti del resto della classe.

La scuola media

Durante le scuole medie, il mio rapporto con la classe e con lo studio mutò radicalmente: avevo ormai l’idea consolidata di essere differente dagli altri per il mio handicap e mi ero convinto che, per farmi accettare dai miei nuovi compagni, dovevo in qualche modo dimostrare che sarei riuscito a studiare come loro, cioè senza alcun ausilio, perché in classe non ero ancora conosciuto. Rifiutavo molte forme di aiuto, specialmente l’insegnante di sostegno che vedevo come una figura negativa e fastidiosa che oltre a farmi apparire diverso, non serviva molto al miglioramento della mia qualità di studio. All’inizio la socializzazione fu molto difficile, anzi, credo che durante i tre anni di scuole medie non mi sia mai integrato del tutto al resto della classe, ma solo parzialmente.

Sin dai primi mesi di scuola media, disponevo di una persona, retribuita dala Provincia di Macerata, che mi supportava nello studio domestico: non si trattava di un’insegnante, bensì di un ausilio nella lettura del materiale che avevo da studiare o, per esempio, delle consegne per le esercitazioni. All’inizio non mi fu difficile accettare questa figura, visto che non poteva influire negativamente nel mio rapporto con i compagni di scuola e oltretutto era l’unica figura che risolveva veramente i miei problemi di lettura. In seguito però mi accorsi che ciò mi costringeva molto ad un orario costante per fare i compiti; mi sentivo inferiore perché non possedevo una certa autonomia nello studio; mi reputavo sfortunato e condannato dal mio handicap a non essere un ragazzo normale. Così mi convinsi che sarei riuscito a studiare autonomamente anche a casa e allora il mio problema fisico alla vista influì notevolmente anche nell’aspetto psicologico. Questi sono stati gli anni peggiori che ho vissuto nella scuola: mi rendevo conto della gravità della situazione e nello stesso tempo che pur lottando non sarei mai riuscito a snobbare il mio problema; ciò mi causava forte nervosismo e stizza nei confronti di chi mi stava intorno.

Tengo a precisare che non ho mai partecipato alle attività manuali integrative, né durante la scuola primaria, né durante la scuola media: in questi casi venivo visto dagli insegnanti come un individuo incapace, fastidioso e di intralcio per la buona riuscita dei lavori manuali svolti in classe. Anche se può sembrare strano, ciò mi è rimasto impresso nella mente e ancora oggi ricordo benissimo le emozioni di paura e di vergogna che provavo quando venivo escluso e lasciato in disparte durante queste attività, ma speravo sempre che nell’avvenire la mia situazione venisse risolta per poter così avere le stesse capacità e considerazione degli altri.

La scuola superiore

Mi iscrissi così al settore Segretario d’Azienda dell’Istituto Professionale di Stato Ivo Pannaggi di Macerata poiché ospitava la sede del Centro Documentazione Handicap di Macerata e quindi disponeva di personale specializzato in materia.

Per i primi tre anni fui accompagnato, dalla fermata dell’autobus all’entrata della scuola, da un obiettore di coscienza che mi fu messo a disposizione dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Ciò mi impediva di iniziare a conquistare la praticità e l’orientamento che tutte le persone con handicap visivo dovrebbero possedere e in più questa situazione continuava ad alimentare il mio senso di inferiorità rispetto agli altri studenti.

Anche in questa nuova realtà scolastica non sono mancati i disagi, infatti nei primi due anni non riuscivo bene ad aggregarmi al resto della classe perché alcuni compagni mi prendevano in giro per il comportamento derivante dal mio handicap visivo. Dopo il biennio comune che prevedeva il nostro corso di studi, si doveva scegliere tra due indirizzi: turistico o commerciale; scelsi turistico e nella nuova classe mi aggregai molto bene perché tutti i miei compagni si mostrarono sensibili verso il mio problema. Inoltre, mi preme precisare che quasi la totalità delle persone che nei primi due anni mi prendeva in giro, non sono riusciti a conseguire il diploma di maturità. Per quanto riguarda il mio handicap rapportato allo studio, in tutti i cinque anni ho trovato, in questa scuola, una buona organizzazione del personale per il sostegno: anche se ogni alunno con disabilità aveva differenti esigenze, a seconda del problema, io sono stato messo quasi sùbito in condizioni di affrontare lo studio serenamente, cioè senza la preoccupazione di dover lavorare ogni volta il doppio per raggiungere uno scopo. In breve, disponevo di ausili e di persone specializzate, consentendomi di raggiungere ottimi risultati che fino a quel momento venivano gravemente compromessi. Per la prima volta ho avuto il computer in classe con il quale svolgevo i compiti scritti di varie discipline, senza avvertire la solita stanchezza che, per dover rileggere la mia calligrafia, influiva molto sulla concentrazione che dovevo impiegare per svolgere al meglio il compito. Alcuni docenti concepivano il personale di sostegno come una figura di intralcio e di rallentamento del loro lavoro, anziché una presenza in grado di portare beneficio a tutta la classe e alle attività svolte; ma questa concezione negativa è oggi quasi scomparsa, o almeno lo spero. Per la prima volta ho avuto in classe con me altre persone con disabilità e questo ha contribuito a non farmi sentire isolato e a rendermi utile mostrando il mio aiuto a chi aveva problemi differenti dai miei.

Giunto il momento di affrontare l’Esame di Stato finale, i professori di sostegno mostrarono, nei miei confronti, la loro migliore disponibilità, ai fini di pormi al pari degli altri studenti, senza che l’handicap visivo potesse in qualche modo influire negativamente sulla valutazione finale. Per prima cosa si è sùbito cercato di verificare i diritti di cui legalmente disponevo; appreso ciò, il personale di sostegno presentò alla commissione d’esame una relazione in cui vennero specificati gli ausili e i diritti di cui dovevo disporre per affrontare le tre prove scritte. La commissione accettò tutte le proposte e nei giorni dell’esame mi fu messo a disposizione un PC e una stampante per svolgere le prove; in più mi fu messo a disposizione un tempo superiore a quello concesso dalla norma che mi sarebbe servito per rileggere attentamente le prove in modo da evitare che nulla mi sfuggisse. Il mio fu il migliore dei risultati, dopo aver svolto le tre prove scritte. Successivamente, nella prova orale, presentai una tesina multimediale incentrata su Giovanni Pascoli che mi fu possibile realizzare autonomamente grazie alle mie buone conoscenze informatiche e ciò contribuì all’ottimo risultato finale che raggiunsi (100/100).

Università

Quanto detto testimonia che spesso una persona portatrice di handicap sensoriale non rende meno nello studio per un suo scarso impegno, ma molte volte non viene messa in condizioni di affrontarlo in serenità. Attualmente sono studente di Lettere Moderne presso l’Università degli studi di Macerata e sono a soli due esami dalla laurea. Oramai posso ben dire di essermi costruito un metodo di studio che mi consente una grande autonomia e grazie al computer ed altri ausili elettronici, riesco a raggiungere quasi tutti gli obiettivi di studio che di volta in volta mi prefiggo.

Informativa sul trattamento dei dati personali ex artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679

1. Destinatari della presente informativa

La presente informativa è rivolta a tutte le persone che accedono al sito mirkomontecchiani.com, di seguito definiti “utenti”.

2. Titolare del trattamento dei dati degli utenti, forniti volontariamente o involontariamente.

Mirko Montecchiani
Via della Polisena, 8 – 62011 Cingoli (MC) IT
Codice Fiscale: MNTMRK80H27E388M
mirkomontecchiani@gmail.com

3. Luogo di archiviazione e conservazione dei dati raccolti

Aruba S.p.a
Partita IVA: 01573850516
Località Palazzetto, 4 – 52011 Bibbiena AR.

4. Conformità del sito mirkomontecchiani.com al Reg.to UE 2016/679

Mirko Montecchiani, in qualità di Titolare del trattamento dei dati degli utenti, ai sensi e per gli effetti del Reg.to UE 2016/679 di seguito “GDPR”, con la presente informa che la citata normativa prevede la tutela degli interessati rispetto al trattamento dei dati degli utenti e che tale trattamento deve essere improntato ai principi di correttezza, liceità, trasparenza e di tutela della riservatezza e dei diritti degli utenti. I dati raccolti verranno pertanto trattati in accordo alle disposizioni legislative della GDPR e degli obblighi di riservatezza ivi previsti.

5. Finalità generali del trattamento dei dati raccolti

I dati raccolti verranno trattati per le seguenti finalità, connesse all’attuazione di adempimenti relativi ad obblighi legislativi o contrattuali:

  • finalità necessarie ad accertare, esercitare o difendere un diritto in sede giudiziaria o ogniqualvolta le autorità giurisdizionali esercitino le loro funzioni giurisdizionali;
  • finalità di navigazione Evoluta o gestione dei contenuti personalizzata;
  • finalità inerenti l’esecuzione di un contratto di cui l’utente è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dall’utente stesso;
  • finalità di ricerche/analisi statistiche su dati aggregati o anonimi, senza dunque possibilità di identificare l’utente, volti a misurare il funzionamento del servizio, misurare il traffico e valutare usabilità e interesse.

6. Dettagli dei dati raccolti e della modalità con cui vengono trattati

Dati di Utilizzo

I sistemi software preposti al funzionamento del sito mirkomontecchiani.com acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet o è utilizzata per migliorare la qualità del servizio offerto. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate all’identità dell’utente, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni, permettere di identificare gli utenti.

In questa categoria di dati rientrano:

  • indirizzo IP o nome a dominio del dispositivo utilizzato dagli utenti che si connettono al servizio,
  • Indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste,
  • l’orario della richiesta al server,
  • il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server,
  • la dimensione del file ottenuto in risposta,
  • il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server,
  • informazioni sul browser utilizzato,
  • altri parametri relativi al sistema operativo e all’ambiente informatico dell’utente.
  • Preferenze sui contenuti richiesti al sito loredanapiccolo.it

Questi dati vengono utilizzati per le seguenti finalità:

  • processare correttamente le richieste dell’utente
  • ricavare informazioni statistiche anonime sull’uso del servizio,
  • consentire ai sistemi software di adattare le interfacce al dispositivo in uso,
  • accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni di Loredana Piccolo  o di altri utenti.

Dati forniti volontariamente dall’utente

Di seguito sono elencati, in dettaglio, i dati che l’utente può fornire volontariamente al fine di utilizzare le funzionalità messe a disposizione dal servizio oggetto della presente informativa:

Dati forniti volontariamente per la creazione dell’Account utente, finalizzata all’erogazione di corsi di formazione, all’interno di questo sito web

  • Nome e cognome,
  • data di nascita,
  • indirizzo email,
  • recapito telefonico associato ad un account Whatsapp,
  • indirizzo di residenza o domicilio,
  • ogni altra informazione che l’utente vorrà fornire nell’apposita area dedicata alla biografia personale.
  • nome utente e password per l’accesso all’area personale.

Dati raccolti durante la richiesta di contatto

  • Nome e cognome,
  • ragione sociale o denominazione dell’organizzazione che eventualmente si rappresenta
  • indirizzo email,
  • recapito telefonico associato ad un account Whatsapp,
  • ogni altra informazione che l’utente vorrà fornire nell’apposita area dedicata alla biografia personale.

I dati forniti volontariamente dell’utente saranno trattati unicamente ai fini dell’erogazione dei servizi da lui stesso richiesti, mediante il sito mirkomontecchiani.com.

Invio di email

L’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi con dominio mirkomontecchiani.com o contenuti trasmessi attraverso formulari comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva. Come sopra, si assicura che anche tali dati saranno trattati unicamente ai fini dell’erogazione dei servizi mirkomontecchiani.com, nel rispetto dei principi enunciati al punto 5 di questa informativa.

7. Comunicazioni dei dati personali degli utenti a soggetti che operano nel contesto relativo al sito mirkomontecchiani.com

I dati personali degli utenti saranno comunicati esclusivamente a soggetti competenti e debitamente nominati per l’espletamento dei servizi necessari ad una corretta gestione del rapporto, con garanzia di tutela dei diritti dell’interessato. Nello specifico, i dati saranno trattati unicamente da personale espressamente autorizzato dal Titolare ed, in particolare, dalle seguenti categorie di addetti:

  • programmatori informatici,
  • amministratori di sistema,
  • addetti al marketing e alla comunicazione.

8. Trasmissione dei dati personali degli utenti a soggetti terzi che operano al di fuori del contesto relativo al sito loredanapiccolo.it

Di seguito sono elencati, in dettaglio, i dati che il sito mirkomontecchiani.com può fornire a soggetti terzi.

Dati forniti a Google

  • dati di Utilizzo,
  • cookies tecnici e di profilazione (vedere punto 12).

9. Diffusione dei dati personali degli utenti al di fuori dell’Unione Europea

Alcuni dati personali sono trasferiti a destinatari che si potrebbero trovare al di fuori dello spazio economico europeo.

Mirko Montecchiani assicura che il trattamento elettronico e cartaceo dei dati personali degli utenti da parte di suddetti destinatari avviene nel rispetto della normativa sopra indicata. I trasferimenti si basano alternativamente su una decisione di adeguatezza o sulle standard model clauses approvate dalla Commissione Europea.

10. Periodo di conservazione dei dati

Nel rispetto dei principi di liceità, limitazione delle finalità e minimizzazione dei dati, ai sensi dell’art. 5 del GDPR, il periodo di conservazione massimo dei dati personali raccolti è di 5 anni.

11. Diritti dell’utente, ai sensi del Reg.to UE 2016/679: Artt. 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22

L’utente ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile. L’utente ha diritto di ottenere l’indicazione:

  • dell’origine dei dati personali;
  • delle finalità e modalità del trattamento;
  • della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
  • degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5, comma 2;
  • dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

L’interessato ha diritto di ottenere:

  • l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
  • la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
  • l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato;
  • la portabilità dei dati.

L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:

  • per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
  • al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

Gli utenti potranno quindi modificare in qualsiasi momenti i dati personali forniti attraverso le apposite interfacce software di gestione del proprio account, oppure, esercitare questo e tutti gli altri diritti previsti al presente punto contattando direttamente il titolare del trattamento, via email, utilizzando lo stesso indirizzo fornito in fase di registrazione.

12. Informativa estesa Cookie Policy

I software del servizio mirkomontecchiani.com installano cookies tecnici e cookies di profilazione sul dispositivo dell’utente al fine di rendere rendere l’esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente.

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo inviati dal sito al terminale dell’interessato (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi al sito alla successiva visita del medesimo utente. Un cookie non può richiamare nessun altro dato dalla memoria permanente del dispositivo dell’utente, né trasmettere virus informatici o acquisire indirizzi email. Ogni cookie è unico per il web browser dell’utente. Alcune delle funzioni dei cookie possono essere demandate ad altre tecnologie.

Nella presente informativa, con il termine “cookie” si vuol far riferimento sia ai cookie, propriamente detti, sia a tutte le tecnologie similari.

Per ulteriori informazioni sui cookies si invita l’utente a visitare il seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie

Cookie installati dal servizio mirkomontecchiani.com, attraverso il sito mirkomontecchiani.com

Cookie tecnici

I cookie tecnici vengono utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica. Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito. Possono essere suddivisi in:

  • cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); essi sono di fatto necessari per il corretto funzionamento del sito;
  • cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, al fine di migliorare le performance del sito;
  • cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti (più informazioni nel paragrafo Gestione dei cookie in basso).

Cookie di profilazione

I cookie di profilazione sono installati al fine di creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete.

Per l’utilizzo dei cookie di profilazione è richiesto il consenso dell’utente.

In caso di cookie di terze parti, il sito non ha un controllo diretto dei singoli cookie e non può controllarli (non può né installarli direttamente né cancellarli). Puoi comunque gestire questi cookie attraverso le impostazioni del browser.

Durata dei cookie

I cookie hanno una durata dettata dalla data di scadenza (o da un’azione specifica come la chiusura del browser) impostata al momento dell’installazione. I cookie possono essere:

  • temporanei o di sessione (session cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni temporanee, consentono di collegare le azioni eseguite durante una sessione specifica e vengono rimossi dal computer alla chiusura del browser;
  • permanenti (persistent cookie): sono utilizzati per archiviare informazioni, ad esempio il nome e la password di accesso, in modo da evitare che l’utente debba digitarli nuovamente ogni volta che visita un sito specifico. Questi rimangono memorizzati nel computer anche dopo aver chiuso il browser.

Gestione dei cookie

In rispetto alla GDPR, l’utente puòi modificare in qualsiasi momento il consenso ai cookie.
Il Titolare del trattamento terrà opportuna traccia del consenso dell’Utente attraverso un apposito cookie tecnico. L’Utente può negare il suo consenso o modificare in ogni momento le proprie opzioni relative all’uso dei cookie. Se l’utente ha inizialmente dato il consenso, può modificarlo inviando un’email al Titolare del trattamento.

Se è già stato dato il consenso ma si vogliono cambiare le autorizzazioni dei cookie, bisogna cancellarli attraverso il browser, perché altrimenti quelli già installati non verranno rimossi.

13. Comunicazioni all’utente in caso di attacchi al sistema

Mirko Montecchiani garantisce, come già scritto in precedenza, la tutela dei dati personali degli utenti interessati; tuttavia, nonostante il titolare adotti tutte le misure comprotamentali e tecniche possibili per garantire tale tutela, potrebbero verificarsi attacchi da parte di hacker malintenzionati, finalizzati alla violazione del sistema e all’acquisizione dei dati personali degli utenti.

In caso di tale violazione, il titolare provvederà ad avvertire le autorità competenti e l’utente sarà tempestivamente informato attraverso i recapiti forniti o comunque attraverso comunicazione pubblicata sulla homepage del sito.

14. Aggiornamento della presente informativa

Eventuali aggiornamenti della presente informativa e comunque, ogni eventuale modifica circa le vigenti condizioni relative al trattamento dei dati personali degli utenti sarà notificato agli utenti stessi con relativa richiesta di consenso.

Gli utenti potranno comunque consultare la presente informativa all’indirizzo mirkomontecchiani.com/privacy.