L’informatica per l’autonomia delle persone con disabilità visiva

Nei giorni 21, 23, 28 febbraio e 1 marzo 2009, presso l’ITIS Volterra di Ancona si è svolto il corso di informatica e tecnologia assistiva organizzato dal Rotary e rivolto a persone con disabilità visiva, affinché possano acquisire e migliorare le loro competenze in materia di computer per il raggiungimento dell’autonomia nella comunicazione e nell’accesso all’informazione.

Il corso mi ha visto protagonista in prima persona in quanto sono stato chiamato dal Rotary a svolgere il ruolo di istruttore ad una classe di bambini di età compresa tra 6 e 14 anni, non vedenti e ipovedenti, i quali – durante il corso, – grazie anche alla preziosa collaborazioni di altre persone con disabilità visiva (Barbara, Loretta e Lucia), hanno avuto l’opportunità di migliorare la conoscenza della tastiera, acquisire nuove competenze in materia di trattamento testi, navigazione Internet ed uso della posta elettronica. Infine – e questo è stato il risultato più importante – hanno imparato ad acquisire testi cartacei attraverso il sistema OCR e a convertire i libri digitali in formato MP3 per una lettura indipendente, anche lontano dal Computer.

Inizialmente avevo pensato di tenere lontani i genitori, al fine di rendere i ragazzi più indipendenti e liberi di esprimersi; poi però, durante il corso, mi sono reso conto che la presenza dei genitori era importante: il corso rappresentava infatti l’occasione per far comprendere l’importanza dell’apprendimento del personal computer e degli strumenti assistivi per i loro figli, al fine di infrangere molti dei limiti imposti dalla disabilità visiva, sia durante lo studio che nel resto delle attività quotidiane.

L’attività di docenza si alternava a giochi e attività di gruppo che hanno consentito a questi bambini di conoscersi, socializzare e stabilire relazioni che consentiranno a questi bambini di aiutarsi tra di loro nel futuro, arricchendosi a vicenda.

Per me si è trattato della seconda esperienza di docenza di gruppo a bambini con disabilità visiva, poiché ero già stato l’organizzatore di un corso analogo nel 2006 presso la sezione di Macerata dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti. Molti di questi bambini, dunque, già li conoscevo e la soddisfazione più grande è stata quella di vedere concretamente i loro enormi progressi… progressi che hanno conseguito nel corso di questi 3 anni in maniera completamente autonoma, dopo che io – durante il primo corso – gli avevo fornito gli strumenti e le nozioni di base per l’utilizzo del personal computer con tecnologia assistiva.

Altri abili istruttori (Carlo, Claudia e Maurizio) hanno svolto parallelamente un corso analogo ad adulti con disabilità visiva, conseguendo ottimi risultati e risquotendo critiche deltutto positive.
Per i giorni 7, 8, 14 e 15 marzo sono stato chiamato a svolgere una analoga attività di docenza nella città di Gualdo Tadino, ad adulti con disabilità visiva e mi auguro di raggiungere lo stesso risultato conseguito ad Ancona.

Condividi il post