Formazione a distanza, ora possibile anche per gli utenti ciechi che imparano ad utilizzare tecnologia informatica assistiva

Nel settembre dello scorso anno sono stato contattato dalla Dottoressa Loredana Piccolo, pedagogista e studiosa di chiara fama nella sfera dell’inclusione scolastica a favore di alunni e studenti con handicap visivo. Oggetto della telefonata: una possibile collaborazione in materia di formazione ad alunni ciechi e ipovedenti all’utilizzo di tecnologia informatica assistiva per lo studio e l’accesso all’informazione, nell’ambito della neo costituita società Lalizablu.

Pieno d’entusiasmo per la proposta, ho immediatamente accettato.

Dopo un dialogo di confronto sul background reciproco di esperienza nel settore della formazione tiflologica (durato settimane), abbiamo iniziato a sviluppare insieme una proposta formativa volta a fronteggiare diverse criticità che ancora oggi, nonostante si disponga di tutti gli strumenti necessari, impediscono ad alunni con disabilità visiva di ricevere un servizio formativo realmente efficace, in grado di metterli nella situazione di poter essere realmente autonomi nello studio e nell’accesso all’informazione.

La proposta è dettagliatamente illustrata in questo articolo, scritto da Loredana Piccolo e pubblicato sul sito ufficiale della società Lalizablu: https://www.lalizablu.it/2019/06/29/formazioneat.

L’aspetto più innovativo di tale proposta, consiste nelle sessioni di formazione a distanza. Dopo un breve training in presenza e un’intervento nel computer dell’utente, egli è in grado di seguire le lezioni direttamente da casa, e con i propri strumenti, attraverso l’utilizzo combinato dei seguenti software:

  • Lettore di schermo NVDA + sintesi vocale a scelta dell’utente.
  • Software VOIP (in genere Skype).
  • UltraVNC per il controllo remoto.
  • Interfacce web proprietarie per la valutazione delle conoscenze e delle competenze acquisite.

Ad aprile ho ricevuto il mio primo incarico come docente e ad oggi, dopo circa 3 mesi di attività, devo dire che i risultati ottenuti vanno ben al di là delle attese iniziali! Si tratta ovviamente di un metodo ancora da perfezionare ma che già apre prospettive interessanti.

Vi terrò aggiornati.

Condividi il post